Dalla padella alla brace

La Canapa o Cannabis o Marijuana o Ganja o più semplicemente Erba é la Pianta che si trova al centro di molti interessi e per la seconda volta nella Storia recente dell'Umanità rischia seriamente di finire nelle mani sbagliate.

Non è un'ipotesi assurda ma un rischio molto concreto quello che si sta correndo proprio in questi giorni, infatti gli eventi che stanno avvenendo in questo periodo sono dei segnali forti e chiari di quello che potrebbe succedere in un prossimo futuro, legando indissolubilmente in un destino comune noi, la Pianta e chi verrà dopo di noi.

In Italia nelle sedi istituzionali proprio in questi giorni si torna finalmente a discutere, per lo meno di Canapa [#leggeillegale, #lorenzin1, #lorenzin2]. Dopo anni di leggi scellerate che ostinatamente si sono rifiutate di affrontare i problemi veri legati alle droghe illegali, spesso pericolose solo in quanto tali, se non principalmente dal punto di vista della repressione esercitata ai danni di consumatori e consumatrici, indistinguibili dai veri trafficanti in virtù di quantità o percentuali microscopiche ed il più delle volte colpevoli solo di aver ricercato le sostanze stupefacenti sul mercato clandestino, il selvaggio far-west, l'unico ove queste venissero offerte, tutte insieme, a prezzi altissimi e senza alcuna garanzia sulla qualità.

Leggi tutto...

Carta dei diritti delle persone che usano sostanze

Niente su di noi senza di noi

Siamo persone che usano o hanno usato sostanze; persone prima di tutto, dotate di dignità e del diritto a condurre un'esistenza libera nelle comunità cui apparteniamo e nel mondo intero.
Siamo persone, che usano sostanze perché riteniamo ciò una scelta, possibile e insindacabile nel rispetto del valore della persona umana.
Noi conduciamo un'esistenza fatta di relazioni e affetti, impegnata sotto il profilo professionale e civico, ma minacciata da norme che tendono a punirci come criminali.
Siamo persone che hanno visto e rischiano di vedere calpestata la propria dignità a causa dello stigma e del pregiudizio.
Siamo persone che hanno subito crimini in nome di una "guerra alla droga" il cui fallimento è palese a livello mondiale. Guerra alla droga che in realtà è una guerra alle persone che ne fanno uso.

Leggi tutto...

Riguardo la presenza (non autorizzata) del marchio “THE BULLDOG” alla 17a Edizione della Million Marijuana March (Italia)

La produzione di Roots in The City è stata interpellata dagli organizzatori della Million Marijuana March (Italia) al fine di comprendere come sia stato possibile che un carro partito da Piazza della Repubblica come il carro "Roots in the City" (autorizzato ), all'arrivo a San Giovanni era diventato il carro, non previsto e neanche autorizzato di "The Bulldog", con i due enormi striscioni, uno per lato, che fino ad un certo punto del percorso non c'erano...

Leggi tutto...

CSOA GABRIO TORINO presenta: QUELL'ERBA È ANCHE MIA!

CSOA-GABRIO-QUELLERBAEANCHEMIA-2

#QUELLERBAÈANCHEMIA! Presentazione della campagna nazionale @ CSOA GABRIO TORINO > SAB 15 OTT 2016 > Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leggi tutto...

Strane coincidenze di persecuzioni proibizioniste, solidarietà alle compagne e ai compagni del CSOA GABRIO e ai due attivisti di Free Weed.

appl3

Apprendiamo dal comunicato sul sito di Free Weed una incredibile ed inquietante notizia (http://freeweed.it/accusati-di-detenzione-oltre-limiti-consentiti-lassurdita-dellarresto-dei-nostri-attivisti/ ), la sera del 20 agosto due loro attivisti che avevano fatto un banchetto informativo all’Evento Root Rock Reggae Festival di Roviano, "sono stati fermati da una volante appena fuori dall’area dell’evento.
Alla domanda classica se avessero stupefacenti hanno risposto negativamente, ma si è proceduti alla perquisizione personale ugualmente, per controllo, non trovando alcunchè. A quel punto si è proceduto con la richiesta di esami delle urine, senza alcuna motivazione provata.
Alla ammissione, dietro la minaccia dell’eventuale esame medico, di aver “ogni tanto fatto uso di cannabis nella settimana in corso” e quindi di un probabile falso positivo, si è proceduto però alla perquisizione casalinga sulla base della regola del legittimo sospetto (che riguarda droghe, terrorismo ed armi)". 

Leggi tutto...

Sottocategorie